// EOF

Commento di Davide (telaio Dark Energy)

Dopo un pò di tempo da quando la sua bicicletta è stata montata ho chiesto a Davide (telaio Dark Energy) di inviarmi qualche commento e le sue impressioni.

Lo ringrazio per la dsponibilità e per quanto ha voluto scrivere. Riporto qui (quasi)integralmente il contenuto della mail (ho rimosso solo le parti strattamente personali).

 

Ciao Vincenzo,

che piacere leggerti: si si, grazie, da noi tutto bene e stiamo bene. Paola e le bambine sono al mare in Italia e io le raggiungo in treno nei weekend.

Certo che mi fa piacere, super-piacere avere le foto del telaio sul tuo sito. Me le faccio fare prima possibile ma intanto rispondo alle domande. Eccole qui:

    Ho conosciuto Vincenzo frugando in internet. Un amico mi ha consigliato di comprare un telaio in acciaio e di cercare qualcosa in Inghilterra (patria dell’acciaio), oppure di cercare qualcosa di esclusivo in Italia. Appena ho aperto il sito di Vincenzo è stato amore a prima vista e mi sono detto “questo è quello che cerco” e non ho guardato altro. Il fascino di avere un telaio su misura non ha eguali: nei negozi si possono acquistare telai fatti per tutti che alla fine non vanno bene a nessuno, con un telaio Forgione possiedi un abito su misura: una bella differenza e si sente alle prime pedalate!
    Il telaio che ha realizzato Vincenzo è un opera d’arte. La carteggiatura delle brasature le ha rese talmente perfette da donare una continuità straordinaria alle linee. E’ leggero quanto un telaio in carbonio e Vincenzo ha saputo coniugare la robustezza dell’acciaio con linee moderne scegliendo insieme a me i tubi di sezione e disegno più incredibili. Non mi stancherò mai di ripetere che questi telai sono realizzati allo stato dell’arte.
    La caratteristica maggiore del mio telaio Forgione è sicuramente la leggerezza. A dispetto del fatto che si tratti di acciaio, la prima volta che l’ho utilizzato “volava” letteralmente sulle strade che ero abituato a percorrere con la mia vecchia bici. Anche il confort è straordinario, dopo decine e decine di chilometri, arrivo a destinazione senza un solo dolore addosso.
    Ho montato un gruppo Campagnolo perché volevo una bici tutta italiana e l’impressione è che il telaio di Vincenzo faccia lavorare al meglio ogni componente in perfetta armonia l’uno con l’altro.
    Se consiglierei un Telaio Forgione ad un amico? Tutta la vita! Non solo ad un amico, ma ogni volta che mi fermo per strada lo consiglio alle decine di ciclisti che non lo conoscono e restano strabiliati quando sollevano la mia bici e gli dico che si tratta di un telaio in acciaio.


Ecco fatto amico mio: a presto per le foto!

Un abbraccio a tutti da tutti noi,
Davide

Ultima modifica il Martedì, 12 Settembre 2017 13:52

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna